• home
  •  > News
  •  >  Autonomie locali: via libera da Cal su 6,3 mln per sicurezza urbana

calendario lavori

« maggio, 2022 »
lun mar mer gio ven sab dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai
28 aprile 2022

Autonomie locali: via libera da Cal su 6,3 mln per sicurezza urbana


Dalla Regione per i Comuni e per i Patti locali tra prefetture e amministrazioni municipali
Votato all'unanimità durante la seduta del Consiglio delle autonomie locali (Cal) di oggi il parere sulla deliberazione della Giunta approvata lo scorso 22 aprile relativa alla legge regionale 5 del 2021, articolo 6, sul Programma regionale di finanziamento in materia di politiche di sicurezza integrata per l'anno 2022 (approvazione preliminare). Il totale dei fondi per la sicurezza ammonta a 6 milioni e 305mila euro.

L'assessore regionale alle Autonomie locali, Funzione pubblica e Sicurezza ha spiegato nel suo intervento che il Programma sicurezza è in fase di revisione e di rivisitazione anche in ossequio alla nuova norma sulla polizia locale e la sicurezza approvata lo scorso anno dal Consiglio regionale del Fvg. Nel dettaglio, nel 2021 sono stati approvati due programmi per la sicurezza: uno con la legge 29 e l'altro con la legge 5 del 2021, che nel 2022 vengono unificati.

Durante la seduta di oggi del Cal, l'Amministratore regionale ha illustrato i dati della sicurezza in Friuli Venezia Giulia negli ultimi tre anni per capire qual è l'andamento dei fenomeni criminosi. Ha spiegato che l'ultimo triennio sconta il periodo pandemico, con cifre quindi di fatto non paragonabili a quelle delle annate ancora precedenti. Ma ci sono novità importanti sulla sicurezza sociale.

Nei programmi sicurezza si mette in rapporto il totale dei reati commessi rispetto ai furti (reato che crea più allarme nella popolazione). Nel 2021, in Fvg, sono stati 33.305 i delitti commessi (dato derivato dalle denunce presentate). Entrando nel dettaglio, nel 2019, sulla globalità dei delitti commessi, i furti rappresentavano il 40,29%; poi nel 2020 il dato si è abbassato al 29,6 % per effetto della permanenza forzata in casa; nel 2021, anno che non è stato più condizionato dal lockdown, la percentuale è comunque rimasta bassa, al 29,7%. I furti quindi sono diminuiti: 13.460 nel 2019, 9.194 nel 2020 e 9.895 nel 2021 (-4000 in 3 anni).

Per la sicurezza urbana e integrata a supporto dei corpi di polizia locale la Regione ha messo a disposizione 2 milioni e 200mila euro più 600mila euro in parte corrente. Per coprire un'esigenza che si è manifestata con l'approvazione della legge regionale 5 del 2021 (Patti locali per la sicurezza sottoscritti dalle prefetture e dalle amministrazioni locali e poi presentati alla Regione per essere finanziati), sono stati destinati un milione di euro in parte investimenti e 300mila in parte corrente.

A questi tipi di interventi va ad aggiungersi la disponibilità da parte della Regione di fornire anche attrezzature che sono nella disponibilità della stessa Amministrazione (impianti di videosorveglianza e fototrappole, per esempio).

Per i comuni con più di 20mila abitanti, poi, ha spiegato l'assessore, la Regione mette a disposizione un milione di euro per l'impiego di guardie giurate. In base ad accordi con i prefetti c'è pure la possibilità di impiegare degli steward (come avvenuto lo scorso anno per il controllo delle zone della "movida" dove si erano verificati episodi violenti).

I comuni che dispongono solo di un servizio e non di un corpo di polizia locale hanno a disposizione 800mila euro per l'adeguamento strutturale delle sedi e delle sale operative. Infine, per i comuni singoli e associati, sempre per migliorare il servizio di polizia locale, la Regione stanzia 400mila euro.  ARC/PT/gg

 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | feedback | dichiarazione di accessibilità | disclaimer