• home
  •  > News
  •  >  Fse: CAL approva piano Regione 21-27 da 370 mln che sostiene occupazione e formazione

calendario lavori

« maggio, 2022 »
lun mar mer gio ven sab dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai
13 aprile 2022

Fse: CAL approva piano Regione 21-27 da 370 mln che sostiene occupazione e formazione


Con oltre 370 milioni di euro, il Friuli Venezia Giulia avvia un nuovo ciclo di programmazione del Fondo sociale europeo (Fse) per il 2021-2027: quasi un milione in più rispetto ai precedenti sette anni.

Lo ha confermato l'assessore regionale al Lavoro, Formazione, Istruzione e Ricerca nel corso della seduta del Consiglio delle autonomie locali che oggi ha approvato all'unanimità il programma Fse+ 2021-2027 presentato dall'Amministrazione regionale.

 

Evidenziando che il quadro socio-economico a livello regionale, nazionale e internazionale rende sempre più impegnative le sfide in campo economico nonché le disuguaglianze sociali, la transizione ecologica, la trasformazione digitale, il calo demografico e la disoccupazione derivante dagli squilibri tra domanda e offerta di professionalità, l'assessore ha ricordato che il 40% di questi 370 milioni proviene dall'Unione europea. I rimanenti 220 milioni derivano invece da risorse statali per il 42% e regionali per il 18%.

Durante la seduta del Cal sono state presentate le otto sfide su si articola la strategia del programma regionale Fse+ 2021-27: facilitare l'accesso al mercato del lavoro di giovani, donne e disoccupati; rafforzare l'equo riconoscimento delle donne nel mercato del lavoro; potenziare i servizi per l'impiego; consolidare l'inclusione lavorativa della popolazione anziana e le politiche per la sicurezza sul lavoro; sviluppare ulteriormente i percorsi formativi indotti dalla digitalizzazione; rafforzare l'offerta di alta formazione; accrescere le competenze sulle nuove tecnologie e sulla transizione ecologica; consolidare l'inclusione sociale delle persone disabili.

Secondo l'esponente della Giunta, l'Amministrazione regionale ha fatto scelte molto nette, destinando oltre il 50% degli investimenti - quasi 200 milioni di euro - all'occupazione e alla formazione a partire da quella giovanile e femminile. Un'attenzione particolare è stata inoltre rivolta a disoccupati di lungo periodo e alle persone svantaggiate e inattive.

L'assessore regionale ha sottolineato che il 27% delle risorse - 102 milioni di euro - sono state destinate alle vulnerabilità della famiglia e all'inclusione sociale per contrastare le disuguaglianze e le situazioni di marginalità.

Complessivamente il 75% dell'ammontare della nuova programmazione Fse+ - circa 280 milioni di euro - è stata assorbita da "Apprendiamo & Lavoriamo in FVG", il piano innovativo per la formazione permanente degli adulti che nei prossimi anni affiancherà le politiche regionali dedicate a queste tematiche.

Fse+ contribuirà in maniera complementare anche all'attuazione delle strategie di sviluppo territoriale integrate: da un lato le aree urbane, dall'altro le aree interne per le quali sono previsti stanziamenti all'interno dei vari obiettivi specifici.

Nell'affermare che le azioni del programma sono state elaborate in coerenza con le principali strategie europee e nazionali e con il Pnrr per dare piena attuazione territoriale alle politiche di coesione, l'esponente della Giunta ha rimarcato in conclusione l'approccio partecipativo che da sempre caratterizza il confronto tra la Regione e i propri principali stakeholder nella definizione e nell'attuazione delle diverse politiche di carattere pubblico.

 
 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | feedback | dichiarazione di accessibilità | disclaimer