• home
  •  > News
  •  >  Enti locali: Cal in videoconferenza approva un ddl e due regolamenti

calendario lavori

« agosto, 2020 »
lun mar mer gio ven sab dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai
13 marzo 2020

Enti locali: Cal in videoconferenza approva un ddl e due regolamenti


Il Consiglio delle autonomie locali (Cal) si è riunito il 13 marzo in video conferenza per esprimere l'intesa sul disegno di legge multisettoriale approvato dalla Giunta regionale il 21 febbraio e dare un parere su due regolamenti in materia di servizi educativi per la prima infanzia e sostegno alle locazioni. In apertura il Cal ha fatto propria la modalità di svolgimento dell'assemblea in videoconferenza con votazione a chiamata di ciascun sindaco presente (erano 18 su 22 i primi cittadini collegati da remoto).

L'emergenza Coronavirus ha condizionato anche alcune richieste da parte degli amministratori locali che, per voce del sindaco di Gemona del Friuli, hanno chiesto che l'esecutivo regionale conceda ai Comuni la possibilità di poter usare in misura straordinaria l'avanzo di bilancio per interventi a sostegno delle imprese e l'opportunità di concedere la proroga per un anno degli affidamenti di forniture e servizi essenziali, per la difficoltà di esperire i bandi di gara in assenza del personale.Subito dopo, il disegno di legge multisettoriale è stato illustrato dall'assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, che si è soffermato sugli articoli di interesse dei Comuni e in particolare l'adeguamento del passaggio al Comparto unico dei dipendenti del Comune di Sappada (articolo 16)."Abbiamo dato all'amministrazione comunale la possibilità di adeguare gli stipendi a quelli del Comparto unico, senza incidere sul limite al tetto di spesa per i dipendenti" ha spiegato Roberti.Il ddl prevede inoltre alcune misure riguardanti l'edilizia, con la previsione della facoltà per i Comuni di riservare a sè la delega per i rilasci delle autorizzazioni paesaggistiche semplificate e complesse, finora in capo alla Regione.L'assessore regionale all'Istruzione e famiglia, Alessia Rosolen, ha quindi illustrato il regolamento concernente i criteri e le modalità di ripartizione del fondo per l'abbattimento delle rette a carico delle famiglie per la frequenza ai servizi educativi della prima infanzia e le modalità di erogazione dei benefici di cui all'articolo 15 della legge regionale 20/2005."Le principali novità - ha spiegato Rosolen - riguardano l'introduzione dell'Isee e l'innalzamento a 50mila euro del reddito massimo certificato per accedere al contributo". Vista la particolare situazione di crisi dovuta all'emergenza coronavirus, l'assessore ha comunicato anche che "sono stati prorogati i termini per ottenere la certificazione dell'Isee ed è stato spostato di un mese - dal 31 maggio al 30 giugno - il termine per la presentazione delle domande che potrà avvenire in modalità telematica".Infine, l'assessore regionale alle Infrastrutture e territorio, Graziano Pizzimenti, ha illustrato il regolamento per la disciplina degli incentivi a sostegno delle locazioni a favore dei cittadini meno abbienti. "Anche in questo caso - ha detto Pizzimenti - l'accesso ai contributi avverrà sulla base dell'Isee, con una soglia massima ridotta da 31mila a 30mila euro. A copertura dei contributi, erogati sulla base di bandi comunali, la Regione ha messo a disposizione 8 milioni di euro".Tutti i provvedimenti sono stati votati all'unanimità.In chiusura di seduta, l'assessore Pizzimenti ha comunicato che nel ddl 'Contributi per interventi per la manutenzione delle reti stradali comunali' approvato in via definitiva il 21 febbraio scorso, la Giunta regionale ha inserito un criterio di priorità, secondo cui le risorse verranno ripartite prima tra i Comuni sotto i 3.000 abitanti, poi ai Comuni montani e infine ai Comuni maggiormente interessati dal passaggio di trasporti eccezionali. ARC/SSA/ma

 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | accessibilità | disclaimer