• home
  •  > News
  •  >  20 luglio: seduta del Consiglio delle autonomie locali

calendario lavori

« luglio, 2019 »
lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai
20 luglio 2015

20 luglio: seduta del Consiglio delle autonomie locali


Il Consiglio delle Autonomie Locali (CAL) ha dato parere positivo alla deliberazione della Giunta regionale sul Patto di stabilità interno Enti locali del Friuli Venezia Giulia. Applicazione regime sanzionatorio per utilizzo spazi finanziari regionali - Esercizio 2014 e alle modifiche apportate al Regolamento recante requisiti e modalità per la realizzazione, l'organizzazione, il funzionamento e la vigilanza, nonché modalità per l'avvio e l'accreditamento dei nidi d'infanzia, dei servizi integrativi e dei servizi sperimentali e ricreativi, e linee guida per l'adozione della Carta dei Servizi.

Inoltre, il CAL ha designato Nerio Nesladek, sindaco di Muggia, quale componente del consiglio di indirizzo e verifica dell'Ospedale infantile Burlo Garofolo di Trieste e Roberto Ceraolo, sindaco di Sacile, per il Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano.


 

Sulle penalità riferite all'utilizzo degli spazi finanziari verticali regionali dell'esercizio 2014 è intervenuto l'assessore regionale alle Autonomie locali Paolo Panontin che ha indicato i criteri e ha precisato come sia stato deciso, in accoglimento della richiesta dello scorso anno del CAL, di valutare le eventuali situazioni eccezionali che potrebbero aver reso difficile procedere con i pagamenti programmati e quindi incorrere nella penalità.

La delibera, come ha riferito Panontin, individua le cause esimenti di carattere eccezionale, fra cui quelle imputabili al creditore "quali potrebbero essere, a titolo esemplificativo - ha precisato Panontin - il fallimento della ditta esecutrice dei lavori, inadempienze e ritardi dei creditori nell'espletamento dei lavori e nell'invio della documentazione necessaria per effettuare i pagamenti".

Altre cause riguardano le difficoltà nelle procedure espropriative riconducibili all'individuazione dei soggetti espropriandi, economie su opere assegnatarie di spazi finanziari rilevate solo in fase di conclusioni lavori, cause di forza maggiore riconducibili a condizioni meteorologiche avverse.

Gli Enti che hanno inoltrato istanza per vedersi ridurre o eliminare la penalità sono stati 56 su 66. Nei confronti di 35 è possibile procedere con la riduzione parziale (per 12) o totale (per 23). I restanti 21 Enti non rientrano nelle fattispecie ritenute idonee a produrre un'attenuazione della penalità.

ARC/LP

 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | accessibilità | disclaimer