• home
  •  > News
  •  >  Enti locali: Panontin, l'ok al ddl sul CAL è fondamentale per la riforma

calendario lavori

« marzo, 2020 »
lun mar mer gio ven sab dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai
13 maggio 2015

Enti locali: Panontin, l'ok al ddl sul CAL è fondamentale per la riforma


Paolo Panontin (Assessore regionale Autonomie locali e Coordinamento Riforme) durante la discussione del ddl di Riforma del Consiglio delle Autonomie Locali (CAL), in Consiglio regionale - Trieste 12/05/2015

"Il voto sul disegno di legge di Riforma del Consiglio della Autonomie Locali (CAL) e di modifica della legge ordinamentale degli Enti locali della Regione Friuli Venezia Giulia segna una tappa fondamentale nel lungo percorso di Riforma che abbiamo iniziato subito dopo il nostro insediamento".

Lo ha affermato l'assessore regionale alle Autonomie locali e al Coordinamento delle Riforme Paolo Panontin dopo l'approvazione in Consiglio regionale dell'apposito disegno di legge (ddl).
 

È un percorso - ha spiegato Panontin - frutto di una costante interlocuzione con i Comuni e le Province di questa regione che ci ha portato ad attuare quella che era una delle principali promesse elettorali: quella cioè di superare l'ente Provincia e di riformare il sistema degli Enti locali, oggi molto polverizzato sul territorio"

La nuova disciplina del CAL, secondo L’assessore, ridisegna il "parlamentino" degli Enti locali "come un luogo di permanente consultazione, di proposta e di condivisione delle scelte strategiche per lo sviluppo del territorio della Regione. Abbiamo pensato che fosse necessario riformarlo, rendendolo congruente alla Riforma ordinamentale, e rafforzarlo nel suo ruolo nell'ottica di creare un sistema integrato Regione - Enti locali che, affiancato alle riforme, rappresenta la migliore risposta che possiamo dare per la difesa della nostra Specialità, dimostrandoci laboratorio nazionale e capaci di ripensare il nostro modo di organizzare i servizi pubblici sul territorio". (ARC/RU)
 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | accessibilità | disclaimer