• home
  •  > News
  •  >  27 aprile - Seduta del Consiglio delle autonomie locali

calendario lavori

« marzo, 2020 »
lun mar mer gio ven sab dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai
27 aprile 2015

27 aprile - Seduta del Consiglio delle autonomie locali


Hanno ottenuto parere favorevole da parte del Consiglio delle Autonomie Locali (CAL) tutti i provvedimenti della Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia sottoposti nel corso della seduta  del 27 aprile all'organismo consultivo del sistema degli Enti locali.

Parere unanimemente favorevole (presenti 16 consiglieri) è stato accordato al primo provvedimento, illustrato dall'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca, inerente il Regolamento per la definizione dei requisiti e dei criteri, nonché delle evidenze dei minimi strutturali, tecnologici e organizzativi, per la realizzazione e l'esercizio dei servizi semiresidenziali e residenziali per gli anziani.

"Si tratta - ha detto l'assessore Telesca - di uno strumento che era atteso da tempo e che consente di dare l'avvio al percorso per la definizione dei nuovi standard relativi anche all'assistenza di carattere semiresidenziale, ovvero diurna, che fino ad ora non era mai stata regolamentata".

La Regione predisporrà ora una bozza di convenzione per l'erogazione dei servizi semiresidenziali e residenziali per anziani e in tale sede, ha precisato l'assessore Telesca, potranno essere accolti i suggerimenti espressi dal CAL, sia in sede di seduta del Consiglio, che nell'ambito dell'esame del Regolamento svolto preliminarmente dalla Commissione dello stesso CAL.

Parere unanimemente favorevole (16 presenti) è stato espresso anche sul Regolamento recante caratteristiche e infrastrutture minime dell'oasi felina, responsabilità e doveri del detentore, ricovero d'autorità, modalità di esenzione degli oneri a carico del detentore, requisiti dell'educatore cinofilo, misure generali di sicurezza e forme di promozione dell'accessibilità, forme diverse di applicazione del contrassegno di identificazione.

"Si tratta - ha commentato l'assessore Telesca - di uno strumento di carattere tecnico rivolto agli operatori della sanità impegnati a favorire il benessere animale e a garantire un corretto rapporto della presenza degli animali nei luoghi abitati".

Parere favorevole a maggioranza (16 votanti, quattro astenuti, tre contrari) è quindi stato assegnato dal CAL al Programma regionale Immigrazione 2015, illustrato dall'assessore regionale alla Cultura, allo Sport e alla Solidarietà Gianni Torrenti.

Il provvedimento si riferisce agli interventi e alle misure di integrazione di tipo lavorativo, sanitario, linguistico, dell'istruzione, rivolte ai 107.000 immigrati ormai stabilizzati in Friuli Venezia Giulia. Nell'occasione l'assessore Torrenti ha fatto il punto sulla situazione dei richiedenti asilo in regione.
 
ARC/CM
 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | accessibilità | disclaimer