• home
  •  > News

calendario lavori

« ottobre, 2021 »
lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai

Notizie

24 giugno 2020
Zilli-Roberti: da Comuni grande senso di responsabilità
 

Il Consiglio delle Autonomie locali, nella seduta del 24 giugno, ha espresso l'intesa e il parere sull'assestamento di bilancio, e in particolare sui trasferimenti che riguardano il sistema degli enti locali, con 14 voti a favore e una astensione (Palmanova).

Il ddl è stato illustrato dall'assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli e, per la parte riguardante gli enti locali, dall'assessore Pierpaolo Roberti.

08 giugno 2020
Il Consiglio delle Autonomie locali, nella seduta dell'8 giugno, ha espresso intesa unanime al disegno di legge in materia di paesaggio, urbanistica e edilizia.
La norma è stata illustrata dall'assessore alle Infrastrutture e territorio, Graziano Pizzimenti, che ha evidenziato come la modifica di due articoli (art.2 e art.5) "consenta di fare delle integrazioni tecniche, da un lato, relativamente alle commissioni urbanistiche comunali, con la previsione della possibilità per i Comuni di riconoscere un rimborso spese ai professionisti che le compongono; dall'altro, armonizzando le previsioni relative al bonus superfici che viene esteso anche al calcolo delle superfici accessorie".
06 maggio 2020
È stato approvato con voto unanime dal Consiglio delle autonomie locali, riunito in videoconferenza il 6 maggio, il Programma regionale di finanziamento in materia di politiche per la sicurezza 2020, che era stato presentato all'organismo consultivo dall'assessore regionale alle Autonomie locali, funzione pubblica e sicurezza, Pierpaolo Roberti.
29 aprile 2020
Ok anche a ddl Roberti con disposizioni urgenti su Enti locali.
 
Il Consiglio delle Autonomie locali, nella seduta del 27 aprile, ha espresso intesa unanime al disegno di legge della giunta regionale concernente "Misure urgenti per far fronte all'emergenza epidemiologica da Covid-19 in materia di demanio marittimo e idrico", illustrato dall'assessore al Patrimonio, Sebastiano Callari.
La norma si compone di pochi articoli il cui nucleo prevede la proroga, fino al 31 dicembre 2033, delle concessioni già scadute per l'utilizzo di demanio marittimo (spiagge e marine).
"Si tratta - ha spiegato Callari - di aspetti antichi legati alla normativa europea e alla direttiva Bolkestein, nei confronti della quale il nostro Paese si è espresso con proroghe tecniche che non hanno però risolto definitivamente la situazione. La Regione ha invece tutto l'interesse a dare certezza di diritto".
"Purtroppo - ha aggiunto ancora l'assessore - Regioni come Veneto, Liguria e Toscana, a seguito dell'applicazione diretta della norma statale, hanno dovuto affrontare contenziosi al Tar, con esiti contrastanti da territorio a territorio. Ad oggi l'unica amministrazione che ha redatto una norma al riguardo è la Sicilia e, parzialmente, l'Abruzzo. Da ultimo, il Comune di Bari ha emanato una delibera di applicazione della legge che, in quanto atto amministrativo, è impugnabile davanti al Tar. Noi abbiamo scelto la strada della norma, eventualmente impugnabile dallo Stato, mentre ogni questione a monte dovrà essere trattata direttamente dal Governo con l'Unione europea, avendo in considerazione anche l'attuale stato di emergenza e crisi economica".
Una volta che il Consiglio regionale avrà approvato la norma, l'amministrazione avrà tempo un anno per svolgere gli adempimenti con i quali concedere la proroga; nel frattempo, le pratiche in scadenza saranno automaticamente prorogate di un anno anche in assenza di domanda dei concessionari. Le proroghe saranno concesse nel rispetto di quanto previsto da un Regolamento che la giunta regionale dovrà emanare entro 90 giorni dalla pubblicazione della legge. "Visto il momento di emergenza - ha concluso Callari - la giunta ha deciso anche di prorogare di un mese il termine di pagamento dei canoni attuali, che viene quindi spostato al 30 novembre di quest'anno".

24 marzo 2020
Roberti: anticipazione incentivi muoverà 200 mln di euro.
 
Il Consiglio delle Autonomie locali, riunitosi in videoconferenza da Udine il 24 marzo, ha approvato all'unanimità l'intesa sullo schema di disegno di legge su "Ulteriori misure urgenti per far fronte all'emergenza epidemiologica da Covid-19", approvato dalla Giunta Fedriga lo scorso 20 marzo 2020.
L'assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti ha evidenziato la necessità di un iter rapido per il disegno di legge, con approdo in Aula il 30 marzo.
13 marzo 2020

Il Consiglio delle autonomie locali (Cal) si è riunito il 13 marzo in video conferenza per esprimere l'intesa sul disegno di legge multisettoriale approvato dalla Giunta regionale il 21 febbraio e dare un parere su due regolamenti in materia di servizi educativi per la prima infanzia e sostegno alle locazioni. In apertura il Cal ha fatto propria la modalità di svolgimento dell'assemblea in videoconferenza con votazione a chiamata di ciascun sindaco presente (erano 18 su 22 i primi cittadini collegati da remoto).

19 febbraio 2020
Il Consiglio delle Autonomie locali (Cal), nella seduta del 17 febbraio, ha espresso, all'unanimità, l'intesa sulle modifiche alla legge regionale n. 22 del 2014 in materia di "Promozione dell'invecchiamento attivo e modifiche all'articolo 9 della legge regionale 15/2014 in materia di protezione sociale", concernenti gli interventi per il contrasto alla solitudine.
20 gennaio 2020
Il Consiglio delle Autonomie locali (Cal), nella seduta del 20 gennaio, ha espresso voto unanime favorevole ai provvedimenti della Giunta regionale illustrati nella seduta odierna rispettivamente dall'assessore regionale al Lavoro, Alessia Rosolen, alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini e alla Difesa dell'ambiente, Fabio Scoccimarro.
Il primo provvedimento ad ottenere il parere favorevole è stato la delibera della Giunta regionale 2276/2019 con cui l'esecutivo ha introdotto modifiche al regolamento per l'attivazione di tirocini extracurriculari. Come ha spiegato Rosolen "tutte le modifiche vanno nella direzione di salvaguardare un principio di garanzia occupazionale, evitando che un lavoratore licenziato venga sostituito da un tirocinante". Sono inoltre state eliminate alcune disomogeneità applicative tra Regione e Regione, tanto che "il Friuli Venezia Giulia si è fatto parte attiva a livello nazionale affinché le modifiche siano fatte proprie anche in altre Regioni, in accordo con il confronto avvenuto nella Conferenza Stato - Regioni" ha detto ancora l'assessore.
 
17 dicembre 2019
Il Consiglio delle autonomie locali (Cal) ha espresso parere favorevole (con quindici sì e un'astensione) alle Linee annuali per la gestione del servizio sanitario e sociosanitario regionale per il 2020, deliberate in via preliminare dalla giunta regionale lo scorso 22 novembre.
 
A tratteggiare i principali contenuti degli indirizzi gestionali che interessano il territorio è stato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, che si è impegnato "a tornare al Cal per affrontare alcuni elementi sostanziali del passaggio alle nuove aziende, posto che entro la fine dell'anno dovranno essere nominati i nuovi direttori generali, ovvero i vertici delle tre nuove aziende di Pordenone, Trieste e Udine, il direttore generale dell'Azienda regionale per il coordinamento della salute e i due direttori degli Istituti di ricerca e cura a carattere scientifico, "Burlo Garofolo" di Trieste e Cro di Aviano".
11 novembre 2019
Il Consiglio delle autonomie locali ha approvato unanimemente i disegni di legge sulla Stabilità 2020 e la collegata alla manovra di bilancio 2020-2022, anche in relazione al sistema delle autonomie locali, e il programma triennale per lo sviluppo dell'ICT, dell'e-government e delle infrastrutture telematiche 2020-2022.
 
I provvedimenti erano stati illustrati rispettivamente dagli assessori alle Finanze, Barbara Zilli, alle Autonomie locali, funzione pubblica e sicurezza, Pierpaolo Roberti, e al Patrimonio, Sebastiano Callari.
 
Zilli ha evidenziato che si tratta di una manovra che continua nel solco già tracciato e porta avanti gli obiettivi della Giunta regionale: dall'ART bonus, per favorire i sodalizi del settore della cultura, all'estensione dei contributi per il trasporto pubblico locale esteso anche al trasporto urbano, all'abbattimento delle rette degli asili nido per le famiglie con più di un figlio, che sono rivolte direttamente ai cittadini, a tutte le iniziative per l'industria e l'artigianato, all'attenzione particolare rivolta agli enti locali, in particolare ai Comuni montani e al loro riequilibrio finanziario, dalle iniziative mirate allo sviluppo dei territori montani attraverso azioni rivolte ai Comuni affinché possano attivare fondi di rotazione per la progettazione delle piste forestali, al supporto al mantenimento delle piccole attività commerciali esistenti in montagna per farne centri di aggregazione e di animazione sociale nelle località minori.
 
Zilli ha espresso compiacimento per il supporto ottenuto oggi dal sistema delle autonomie locali perché ciò, ha aggiunto, ci consentirà di continuare a lavorare nell'ottica corretta della condivisione delle scelte, attraverso un metodo di confronto costruttivo e con il recepimento delle attese del territorio.
 
"E lavorare assieme a chi amministra i nostri Comuni - ha concluso Zilli - per noi è un dovere".
 
La manovra assicura più risorse ai Comuni, ha commentato l'assessore alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, ma reca anche grazie alla risoluzione dell'extra gettito, assicurando così alle amministrazioni comunali la disponibilità di ulteriori risorse.
 
Rispetto al 2019 infatti, i Comuni del Friuli Venezia Giulia otterranno benefici complessivi di oltre 23 milioni di euro nel 2020 grazie alla riduzione dell'extra gettito Imu, sulla base dell'accordo Stato/Regione (pari a circa 19 milioni di euro) e ulteriori risorse alle autonomie locali.
 
L'obiettivo che ci poniamo, ha detto Roberti, è quello di poter assicurare servizi sempre più efficienti ai cittadini. Non a caso, ha commentato l'assessore, anche questi articoli della legge di stabilità e della legge collegata hanno ricevuto un voto unanimemente favorevole da parte dei Comuni.
 
Un risultato, ha aggiunto Roberti, che riconosce all'Amministrazione regionale gli sforzi compiuti per dare risposte concrete alle Amministrazioni comunali, alle quali crediamo, e che sono guidate da amministratori di ottimo livello.
[1]  [2]  [3]  [4]  [5]  [6]  [7]  [8]  [9]  [10
 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | feedback | dichiarazione di accessibilità | disclaimer