calendario lavori

« luglio, 2017 »
lun mar mer gio ven sab dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

cerca le deliberazioni del consiglio

iscriviti alla newsletter del consiglio autonomie localivai
L’attività e i componenti della Conferenza permanentevai
CAL: via libera a imposta soggiorno Fvg, ok a sistema premiale Comuni
Via libera all'imposta di soggiorno in Friuli Venezia Giulia anche dal Consiglio delle autonomie locali, riunitosi oggi a Udine. Il Cal, infatti, ha espresso all'unanimità (14 voti) parere favorevole al regolamento concernente la disciplina di attuazione della legge regionale 18/2015 che dà facoltà...
[ segue ]
07 settembre 2017
Le Unioni territoriali intercomunali (Uti) dovranno trasmettere i Piani per definire l'intesa per lo sviluppo e individuare le priorità strategiche del triennio 2018-20 entro il 10 ottobre prossimo.
 
Lo ha comunicato il 7 settembre l'assessore regionale alle Autonomie locali, Paolo Panontin, nella seduta del Consiglio delle autonomie locali (Cal) che è stata dedicata principalmente all'illustrazione delle indicazioni per la presentazione dei piani delle Unioni finalizzati a definire i contenuti dell'intesa che dovrà essere stipulata tra la presidente della Regione e il presidente del Cal entro ottobre, in tempo utile per essere recepita nella legge di stabilità.
 
19 luglio 2017

Il Consiglio delle Autonomie locali (Cal) del Friuli Venezia Giulia, riunitosi il 19 luglio nel palazzo della Regione a Udine, ha espresso parere favorevole su tutti i provvedimenti all'ordine del giorno inerenti ad altrettante delibere approvate dalla Giunta regionale.

Con 10 voti favorevoli e un astenuto (Uti Sile Meduna), il Cal ha dato il via libera ai criteri per l'assegnazione, in sede di piano di liquidazione, dei beni immobili e delle partecipazioni delle Province commissariate.

Ad illustrare il provvedimento è intervenuto l'assessore regionale alle Autonomie locali, Paolo Panontin, che ha sottolineato la complessità del tema e il recepimento delle osservazioni rilevate dalla competente commissione del Cal.

Fra le modifiche inserite, come ha ricordato Panontin, vi è l'estensione della possibilità di derogare ad alcuni criteri che in origine era limitata a solo due categorie. Aprendo il ventaglio delle possibilità, si è venuti incontro alle esigenze espresse dai Comuni che possono derogare, ad esempio, dal criterio per il quale gli immobili locati o comunque messi a disposizione dello Stato sono assegnati ai Comuni nel cui territorio insistono.

Le regole, dumque, serviranno al commissario per predisporre il piano di liquidazione delle tre Province rette dalla gestione commissariale (Ts, Go e Pn). La Provincia di Udine verrà, invece, trattata all'inizio del prossimo anno con successiva deliberazione e comunque nella fase della soppressione dell'Ente intermedio.

15 giugno 2017

"Stiamo lavorando sul fronte dell'addizionale provinciale sulla tassa dei rifiuti, che era gestita dalle Province e istituita con norma nazionale, affinché non ci sia disomogeneità territoriale e disparità di trattamento. Il tema potrà essere trattato nella prossima Finanziaria".

Lo ha riferito l'assessore regionale all'Ambiente ed Energia, Sara Vito, durante l'odierna seduta del Consiglio delle autonomie locali (Cal) nella quale ha illustrato il disegno di legge su "Disciplina organica della gestione dei rifiuti e principi di economia circolare" che ha raggiunto, all'unanimità, l'intesa.

Per quanto riguarda la possibilità di abolire l'addizionale, Vito ha espresso la necessità di confrontarsi con il ministero competente: "c'è l'impegno ad esplorare questa strada ma andrà valutato l'impatto sul bilancio della Regione e aperto un confronto con il ministero per capire se la via è percorribile".

Sull'intesa raggiunta dal Cal, Vito ha espresso soddisfazione rimarcando "l'importanza di una norma che supera il concetto di puro e semplice smaltimento dei rifiuti, per perseguire metodi di riutilizzo e valorizzazione degli stessi, di carattere innovativo: i rifiuti non sono più considerati come un'entità da smaltire o stoccare, bensì come risorsa da utilizzare".

"E' una norma orientata alla sostenibilità, all'economia circolare come occasione di crescita per la nostra regione" ha osservato Vito ricordando anche i dati complessivi della raccolta differenziata in Friuli Venezia Giulia. "Si è passati, dal 2014 al 2016, dal 63 per cento a quasi il 66 per cento della raccolta differenziata, con un incremento costante in tutte e quattro le province".

29 maggio 2017

Il Consiglio delle autonomie locali (Cal) nella seduta del 29 maggio ha raggiunto l'intesa, all'unanimità, su entrambi i disegni di legge all'ordine del giorno, ovvero quello per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei nel territorio regionale e quello relativo alle misure per lo sviluppo del sistema territoriale regionale e interventi di semplificazione dell'ordinamento nelle materie dell'edilizia e infrastrutture, portualità regionale e trasporti, urbanistica e lavori pubblici, paesaggio e biodiversità. Soddisfazione è stata espressa dagli assessori regionali alle Infrastrutture e territorio Mariagrazia Santoro e alle Autonomie locali Paolo Panontin, intervenuti nel corso della seduta, durante la quale hanno sottolineato i percorsi di lavoro e confronto con i portatori di interesse che hanno preceduto la stesura dei rispettivi provvedimenti.

 
A cura della Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme | accessibilità | disclaimer